A tu per tu con Franco Raggi

Affrontando il tema della casa che sta alla base del workshop #casalaboratorio, l’architetto e designer Franco Raggi ci ha parlato della sua opera in ceramica “Architettura Divisa, Casette” esposta nel Museo della Ceramica di Savona. Realizzata nel 2006, l’opera è caratterizzata da due porzioni di casa che, presentandosi accostate ma divise, rendono il concetto alla base di questo lavoro ­oggi più che mai attuale. “È sulle linee di confine che avvengono le scintille”, dice Raggi durante la conversazione.

Durante la nostra conversazione, Raggi è partito dalla descrizione di questo suo lavoro per condividere con noi le sue considerazioni sul senso della casa, riflettendo sui nuovi significati e sulle funzioni che questa ha assunto ai tempi del distanziamento sociale necessario a contenere la diffusione del virus.

In un momento in cui tutti  i musei e i luoghi di aggregazione sono chiusi, #casalaboratorio nasce per mantenere vivo il contatto tra il laboratorio del Museo della Ceramica e il suo pubblico stimolando un approfondimento sul concetto di casa. La casa in cui siamo costretti a restare più a lungo per proteggerci dal contagio, viene intesa come rifugio, luogo del calore familiare, ma anche spazio di studio e di lavoro. Capita che la stessa casa rappresenti il centro delle nostre solitudini e del nostro malessere, un luogo dove si alimentano insofferenze e sofferenze, una gabbia da cui scappare.

In un momento storico straordinario che sta investendo la vita collettiva e individuale, l’arte è uno strumento importante per mettere a fuoco i tanti nuovi significati che sta assumendo la casa oggi, per milioni di persone contemporaneamente in tutto il mondo.

 

Franco Raggi si è laureato in architettura al Politecnico di Milano. Ha progettato architetture, spazi commerciali, showroom, mostre e oggetti per varie aziende del design internazionale. Tra i diversi ruoli ricoperti si ricordano quelli di coordinatore della prima sezione Arti visive-architettura della Biennale di Venezia (1975-76), di responsabile della Raccolta del Design alla Triennale di Milano (1979-80) e di direttore della rivista di design “Modo” (1981-83). In campo architettonico si ricorda invece il progetto degli interni dell’Ospedale Humanitas (Milano, 1996) e quelli della maison Gianfranco Ferré (Milano, 1998) e della sede della Fondazione Gianfranco Ferré (Milano, 2010).

Questa conversazione fa parte di #casalaboratorio, il workshop realizzato nell’ambito del progetto “Inversioni” con il sostegno di:

                    

 

 

Intervista a Franco Raggi a cura di Tiziana Casapietra
Montaggio video: Giulia Macchiarella

Orari

Lunedì, Martedì

solo per gruppi

(min. 10 persone)

10.00 – 13.30

15.30 – 18.30

 

Mercoledì

10.00 – 13.30

 

Giovedì, Venerdì, Sabato

10.00 – 13.30

15.30 – 18.30

 

Domenica

10.00 – 13.30

Iscriviti alla nostra newsletter

Ho letto e accetto quanto definito nella privacy policy del museo

 

 

Social network

Segui il Museo della Ceramica di Savona
sui social network:

Pagina Facebook del Museo della Ceramica di SavonaProfilo Twitter del Museo della Ceramica di SavonaProfilo Instagram del Museo della Ceramica di Savona