Grande Madre delle tre mani (Icona)

Scuola di Mosca
1850 ca.
Mosca

In breve

In questa icona, l’immagine della Madonna tratta dall’episodio legato alla vita di Giovanni di Damasco, si distingue perché l’ex voto a forma di mano, assume la forma di una mano vera e propria appartenente al corpo della Vergine, completa di un braccio che esce dal manto. L’icona di scuola russa è dipinta a tempera all’uovo su tavola, con tonalità sobrie. Questa è ricoperta da riza dorata, sbalzata con motivi floreali sul largo bordo e sull’aureola, mentre la linea degli abiti riproduce quella del dipinto.

81
1
368

Approfondimento

Nella tradizione pittorica delle icone, dal X secolo compaiono sulle superfici lignee, rivestimenti metallici, lastre ornamentali lavorate che servono a proteggerle e al tempo stesso diventano offerta devozionale. Fregi cesellati a motivi floerali, motivi complicati con disegni di rami e fiori stilizzati, decorazioni che ricordano le coperture delle cupole monastiche del Nord, diventano le caratteristiche delle coperture metalliche. La più diffusa è la basma: una striscia di metallo lavorata a sbalzo che incornicia l’icona lasciando scoperta tutta l’immagine. L’okhla copre invece parzialmente l’immagine sottostante, si arriva infine al caso qui rappresentato della copertura detta riza; influenzata dalla moda delle corti europee settecentesche particolarmente raffinate, lascia scoperti solo i volti, le mani e i piedi venendo affidate, nel momento di massimo splendore ai famosi laboratori delle scuole Fabargé e Ovchinikov.

Specifiche

Ambito: Scuola di Mosca
Materiale: Tempera su tavola
Dimensioni: cm 26,6×21,7
Provenienza: Collezione Renzo Mantero
Collocazione: Pinacoteca Civica di Savona (Sala 12)

Continua l’esplorazione