Palazzo Gavotti

Antica residenza nobiliare, sede municipale ottocentesca, biblioteca nel Novecento. Nel corso dei secoli Palazzo Gavotti è sempre stato al centro della vita della città. Dal 2014 è ingresso di un itinerario museale unico nel suo genere: il Museo d'arte di Palazzo Gavotti, che collega in un percorso eccezionale la Pinacoteca Civica di Savona, la Collezione Milani/Cardazzo e il Museo della Ceramica.

La Sede

L'atrio della città

Il prestigioso palazzo, provvisto di grande atrio, ampio scalone e sale eleganti, è realizzato su precedenti strutture medievali e poi trasformato alla fine del Cinquecento secondo il nuovo impianto rinascimentale. Nel Settecento la famiglia Gavotti lo dona all’Opera Pia di Nostra Signora di Misericordia per ospitarvi personaggi illustri in visita al Santuario di Savona. I successivi interventi nell’Ottocento ne modificano l’impianto articolando diversamente gli spazi, che tra il 1861 ed il 1934 ospiteranno il Municipio di Savona. Nello stesso periodo, il fronte principale viene ribaltato su Piazza Chabrol con l’introduzione di una facciata neomanierista e si apre il nuovo passaggio tra Via Pia e la piazza, trasformando l’atrio in un porticato, al fine di raccordare il nucleo medievale del centro storico ai nuovi quartieri cittadini. Dopo un primo breve passaggio della collezione della Pinacoteca, ospitata dal palazzo nel 1939 e subito trasferita a causa della guerra, Palazzo Gavotti diventerà fino al 1985 la sede della Biblioteca Civica. Dal 2003 torna a ospitare le collezioni della Pinacoteca Civica di Savona.

Dal dicembre 2014, Palazzo Gavotti è collegato in un unico itinerario museale con l’adiacente Palazzo del Monte di Pietà, che ospita il Museo della Ceramica di Savona. Per saperne di più, clicca sul bottone qui sotto e continua a leggere sul sito del Museo della Ceramica.

Scopri Palazzo del Monte di Pietà

Orari

lunedì, martedì

chiuso

 

mercoledì

10.00 – 13.30

 

giovedì, venerdì, sabato

10.00 – 13.30

15.30 – 18.30

 

domenica e festivi

10.00 – 13.30