Immacolata Concezione e Santi

Pittore ligure
1481-1510
Liguria

In breve

“Tota pulchra es, Amica mea, et Macula non est in te”. Questa lode inscritta nella trabeazione azzurra, tra l’Annunciazione e il Compianto di Cristo, fa da didascalia ad una raffigurazione dell’Immacolata i cui pregi più evidenti sono la spontaneità e l’immediatezza. La Vergine, quasi sospesa sullo sfondo, è al cospetto di Dio padre e dei Santi; gli apostoli, affollati nella predella e disposti sulle lesene del polittico.

278
295

Approfondimento

Delicata opera di sapore ingenuo, l’Immacolata Concezione e Santi, attribuibile a un pittore ligure del XVI secolo di probabile ascendenza provenzale, propone un’attenta e precoce rappresentazione del tema mariano. La Vergine è attorniata dai simboli delle litanie lauretane. Spiccano, in basso, l’hortus conclusus, la Gerusalemme celeste cinta da mura, la Turris Davidica, mentre i cartigli ne declinano gli attributi, quasi in una cantica che traduce in volgare i termini latini delle sacre scritture: “Oliva speciosa” ,“speculum sine macula”, “fons ortorum”, “porta celi” , “exaltatum cedrus” , “puteus aquarum”. Il Polittico proviene dalla chiesa della Santissima Annunziata di Savona, annessa al convento delle monache agostiniane, prime promotrici del culto dell’Immacolata. L’origine del monastero cittadino risale al 1464 quando tre nobili savonesi introdussero anche nella nostra città l’osservanza femminile della regola già presente, per la parte maschile, nel convento di Sant’Agostino. L’Immacolata Concezione e Santi è attribuibile a un pittore ligure del XVI secolo è da porre in relazione con la loro prima chiesa, costruita a partire dal 1481 con annesso convento; solo nel 1604 vennero gettate le fondamenta dell’attuale chiesa barocca, abbandonata dalle religiose in seguito alla legge di incameramento dei beni ecclesiastici e ai danni del terremoto del 1887e successivamente ceduta nel 1906 alla confraternita del Cristo Risorto che vi ha sede anche ai giorni nostri.

Specifiche

Artista: Pittore ligure
Materiale: Tempera su tavola
Dimensioni: cm 250 x 169
Provenienza: chiesa della Santissima Annunziata
Collocazione: Pinacoteca Civica di Savona (Sala 8)

Continua l’esplorazione